Header_news

Con la sicurezza non si scherza: 5 step per ottimizzarla a lavoro

26 Aprile 2024

Share

Quale giorno migliore della Giornata Mondiale della Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro per trattare questo tema? In questo interessante articolo, pubblicato sulla Rubrica Econopoly de Il Sole 24 Ore scopriamo insieme qual è la situazione attuale in Italia e quali sono i 5 consigli da seguire subito per ottimizzare la sicurezza sui luoghi di lavoro.

“La sicurezza non è un gioco e per nessuna ragione bisogna abbassare la guardia sul lavoro. Questo dovrebbe essere un concetto ormai consolidato, ma ora più che mai sembra necessario rimettere la sicurezza al primo posto in qualsiasi settore. r

Secondo “State of Employee Safety Report”, a livello globale, il 97% dei lavoratori considera la sicurezza una priorità. Questa esigenza nasce come conseguenza di una serie d’incidenti e fatti tragici che ogni anno, stando a quanto indicato dall’International Labour Organization, portano a quasi 3 milioni di morti sul lavoro a causa d’infortuni o malattie correlate (+ 5% rispetto al 2015).

Sulla medesima scia, Euronews ha diffuso recentemente un altro approfondimento, secondo cui nel Vecchio Continente la Francia detiene il record negativo con il maggior numero di morti sul posto di lavoro, ovvero circa 2 ogni giorno. E in Italia? Il trend si conferma preoccupante, come dimostrano i dati Inail: 119ncidenti mortali solo nei primi due mesi dell’anno corrente (+19 rispetto al 2023).

Alla luce di questi numeri, è possibile invertire la rotta e salvaguardare così la sicurezza e la salute dei singoli professionisti? La risposta è sì e il cambiamento può essere innescato dalle aziende globali che, attraverso iniziative mirate, sono in grado di promuovere al loro interno una “safety culture” forte e distintiva.

La settimana della sicurezza sul lavoro

Tra queste emerge, ad esempio, la cosiddetta “Safety Week”, ricorrenza nata dal 2012 che quest’anno cade dal 13 al 17 maggio. Durante questa settimana il team aziendale viene coinvolto in numerose attività, come corsi di formazione, test per gestire emergenze di varia natura ed eventi per sensibilizzare clienti e utenti. Ma non è tutto, infatti, ci sono ulteriori consigli, per lo più tech addicted, grazie ai quali è possibile incrementare la sicurezza all’interno dei singoli posti di lavoro. Spunti interessanti giungono dal portale ReadWrite che mette in risalto la realtà virtuale in qualità di “danger detector”: grazie ad essa è possibile scansionare vari ambienti a cadenza variabile per individuare pericoli o rischi per la forza lavoro e apportare modifiche o ammodernamenti mirati ed efficaci. Ma non è tutto perché oggi esistono anche robot d’ultima generazione che fungono da “risks tester”, ossia in grado di provare determinati macchinari o strumenti e verificarne la pericolosità in modo da tutelare nel migliore dei modi i lavoratori.

Il ruolo dell’intelligenza artificiale

All’interno di questo scenario in grande evoluzione non poteva mancare l’intelligenza artificiale: secondo Linkedin, infatti, sensori dotati di AI vengono applicati in appositi reparti e uffici per segnalare gli incidenti e identificarne le cause. In questo modo è possibile intervenire, risolvendo il problema e salvaguardando la salute delle persone.

Per concludere, il British Safety Council definisce nel dettaglio i cosiddetti “wearable devices”, ovvero dispositivi che, una volta posti sulle divise dei dipendenti, possono tracciare i loro movimenti, mettere in risalto i potenziali pericoli in base all’attività svolta e, in seguito, inviare dei feedback accurati ai responsabili di reparto, che saranno chiamati a valutare ed eventualmente a modificare i carichi di lavoro oppure l’organizzazione logistica di alcuni processi operativi.

Cinque passi verso la sicurezza sul lavoro

Ecco quindi i 5 consigli degli esperti per promuovere la sicurezza sul posto di lavoro già nel 2024:

1. Promuovere la cultura della sicurezza all’interno delle aziende, organizzando eventi o iniziative ad hoc che possano coinvolgere l’intero team operativo;

2. Scansionare, a cadenze variabili, le diverse aree che compongono la struttura dell’impresa, utilizzando la realtà virtuale come “danger detector” innovativa;

3. Adottare dei robot d’ultima generazione che, in qualità di “risks tester”, valutino l’efficienza e la pericolosità dei singoli strumenti e macchinari;

4. Applicare sensori dotati d’intelligenza artificiale in ogni reparto e zona della propria industria con l’obiettivo di segnalare, in maniera tempestiva, eventuali imprevisti e incidenti;

5. Garantire a ogni lavoratore l’equipaggiamento necessario, che comprende anche i cosiddetti “wearable devices”, fondamentali per monitorare i movimenti e, di conseguenza, anche i rischi. “
Fonte: Il Sole 24 Ore

SGB Identity Magazine | Maggio 2024

lunedì, 6 Maggio 2024

Vi presentiamo il quarto numero del nostro SGB Identity Magazine, un viaggio immersivo nel mondo delle opportunità e dell’innovazione nel settore delle risorse umane.
SGB Humangest: Il CLUB 30 – Quarta edizione

lunedì, 22 Aprile 2024

Quattro anni di innovazione, di progetti volti alla valorizzazione della professionalità delle nostre persone, al fine di sviluppare percorsi di crescita per i manager di domani.

Vuoi saperne di più?

Contattaci