Header_news

Nuovo Decreto sulla Sicurezza Antincendio

22 Settembre 2022

Share

Come cambia la formazione dal 4 ottobre 2022

Il 02 settembre 2021 è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale il nuovo decreto sulla gestione in esercizio ed in emergenza della sicurezza antincendio, che sostituisce il precedente D.M. 10 marzo 1998 sulla gestione e formazione antincendio sui luoghi di lavoro.

Il decreto dello scorso settembre entrerà in vigore un anno dopo la sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale, ovvero il 04 ottobre 2022.
Tratta diversi aspetti, fornendo indicazioni su formazione, informazione, addetti antincendio e docenti.

1. Cambia la frequenza dell’aggiornamento
Una prima grande novità riguarda la cadenza dell’attività di aggiornamento degli addetti antincendio.
Il decreto riporta al comma 5 dell’art.5, che la frequenza di specifici corsi di aggiornamento ha cadenza almeno quinquennale e non più triennale come considerata finora.
Se al momento dell’entrata in vigore del decreto sono trascorsi più di cinque anni dalla data di svolgimento delle ultime attività di formazione o aggiornamento, l’obbligo di aggiornamento è ottemperato con la frequenza di un corso di aggiornamento entro dodici mesi dall’entrata in vigore del decreto stesso, ovvero entro il 04/10/2023.
Eventuali corsi già programmati ai sensi del D.M. 10 marzo 1998 entro il 04/10/2022 potranno essere completati entro sei mesi (aprile 2023).

2. Cambiano le denominazioni dei corsi
Dal 04/10/2022 anche le denominazioni dei corsi di formazione per addetti antincendio cambieranno. Ai fini dell’organizzazione delle attività formative vengono comunque individuati tre gruppi di percorsi formativi in funzione della complessità dell’attività e del livello di rischio.
– Attività di livello 3 (ex attività rischio alto): attività con presenza di sostanze altamente infiammabili e probabilità di propagazione di incendio elevata. Industrie e depositi. Fabbriche e depositi di esplosivi, centrali termoelettrici, impianti di estrazione di oli minerali e gas combustibili, etc.
– Attività di livello 2 (ex attività rischio medio): attività con presenza di sostanze infiammabili e probabilità di propagazione di incendio limitata.
– Attività di livello 1 (ex attività rischio basso): presenza di sostanze a basso tasso di infiammabilità e probabilità di propagazione di incendio scarsa.

3. Nuove metodologie didattiche
Il decreto prevede che per l’attività di formazione ed aggiornamento, limitatamente alla parte teorica, vengano utilizzate metodologie di apprendimento innovative.
La divulgazione dei contenuti formativi potrà essere veicolata da linguaggi multimediali e strumenti informatici. Sarà anche possibile sfruttare, oltre alla formazione in presenza, la formazione in videoconferenza (modalità di apprendimento sincrona).
Resta invece vietata la formazione in e-learning (modalità di apprendimento asincrona).

4. Introduzione dell’obbligo di esercitazioni pratiche
Per ciascun livello di attività è prevista una parte pratica da svolgere in presenza.
È stata eliminata la possibilità per le attività di livello 1 (rischio basso) di ricorrere ad ausili multimediali da usare in aula al posto della parte pratica in presenza.

Skill Shortage: di cosa si tratta?

lunedì, 15 Luglio 2024

Lo skill shortage è ciò che sta alla base del mismatch tra domanda e offerta di lavoro in moltissimi settori dell’economia italiana e internazionale. Scopri di cosa si tratta!
SGB Identity Magazine | Luglio 2024

venerdì, 5 Luglio 2024

Vi presentiamo il sesto numero del nostro SGB Identity Magazine, un viaggio immersivo nel mondo delle opportunità e dell’innovazione nel settore delle risorse umane.
Humangest arriva su WhatsApp!

mercoledì, 26 Giugno 2024

Scopri i nostri 5 canali tematici e resta sempre aggiornato sulle migliori offerte di lavoro, le opportunità di formazione professionale, tutte le notizie e le tendenze nei settori di tuo interesse. 

Vuoi saperne di più?

Contattaci