sgb
L'esterno della sede della CEIT
Non solo operatività ma anche e soprattutto capacità 
di intercettare nuove opportunità di crescita.
Intervista a Fabrizio Perletta, Amministratore Delegato CEIT Impianti

di Matteo De Leonardis, Responsabile Web Marketing e Social Media SGB Humangest Holding

Mi accoglie nel suo studio in una tipica giornata grigia d’autunno. Cortese e distinto, Fabrizio Perletta, di professione Amministratore delegato, è la persona che in 7 anni alla guida di CEIT è riuscita a consolidare il ruolo di leader dell’azienda nella progettazione e nella realizzazione di infrastrutture per le telecomunicazioni, sapendo anche intercettare nuove linee di business in grado di assecondarne la crescita per il futuro.

CEIT, come spiega da subito Perletta, è una delle società del gruppo IGEFI, holding che raggruppa al suo interno altre grandi società del settore delle costruzioni e dell’impiantistica operanti sia sul territorio nazionale che estero. “Le specialità”, per dirla con le sue parole, sono dunque tante e diverse. Quelle di CEIT, nello specifico, risiedono nella progettazione di infrastrutture per la telecomunicazione in ambiti diversi come quelle energetico e ferroviario, due aree strategiche nelle quali l’azienda opera per conto di importanti realtà nazionali come RFI (Rete ferroviaria italiana) e i principali operatori di telefonia fissa e mobile italiani.
Fabrizio Perletta, Amministratore Delegato CEIT

Non a caso CEIT è una grande azienda con 25 sedi operative che “muove” sul territorio nazionale circa 600 dipendenti
non diretti ma di realtà locali, in modo da garantire la massima velocità nella messa in opera di ogni intervento.

Il nostro fatturato deriva per il 65% dal settore TLC: Tim, Huawey, Vodafone, Nokia sono solo alcune delle nostre aziende clienti
– spiega Perletta –Il restante 35% del fatturato è invece legato, in egual misura, ai trasporti e al settore energetico”.

Come recita il sito ufficiale, CEIT Impianti S.r.l. è stata costituita nel 1989 ma trae le sue origini da attività avviate negli anni ’50. Nasce dal processo di accorpamento di imprese operanti per Telecom Italia S.p.A. e raccoglie al suo interno le esperienze di sette Società: la CIT di Pescara, la LETA di Ascoli Piceno, la CIET di Ancona, la CET di Lanciano, la ELCA di Verona C, la IRT di Mestre (VE), e da ultima la ITEA S.P.A. con le sedi di Milano, Roma e Bari.

CEIT è fra le prime aziende a cui Telecom Italia e gli altri gestori nazionali hanno affidato la realizzazione delle loro infrastrutture di telecomunicazione. Nel corso degli anni, CEIT si è mantenuta costantemente al passo con lo sviluppo tecnologico ampliando i suoi mercati, acquisendo nuove conoscenze e stringendo alleanze strategiche per svolgere un ruolo primario nello scenario globale delle infrastrutture di comunicazioni, energia e trasporti.

Dal 2007 ad oggi CEIT, sotto la guida di Perletta, ha visto raddoppiare il proprio fatturato. La parola chiave di questa crescita è “diversificazione”:da un lato abbiamo consolidato la nostra posizione di player veloce e affidabile nella gestione degli impianti preesistenti. Dall’altro, siamo stati bravi nell’intercettare nuovi clienti in nuove aree di business. In tema di telecomunicazioni, ad esempio, abbiamo raccolto la sfida legata all’adeguamento e all’aggiornamento delle reti telefoniche con il passaggio dal rame alla fibra. E siamo già attivi per raccogliere la nuova sfida dell’immediato futuro, quella dell’Ultra-BroadBand. Questi interventi– continua Perletta –
interessano non solo i privati ma anche il settore pubblico, con interventi mirati in Comuni minori che vanno nell’ottica della digitalizzazione della pubblica amministrazione, lavori questi ultimi che al nostro paese sono sollecitati direttamente dall’Unione Europea. Si tratta, in questo caso, di interventi che godono di importanti finanziamenti pubblici per ridurre il cosiddetto ‘digital divide’ e garantire l’accesso ad internet anche in quelle aree commercialmente meno interessanti per gli operatori privati”. 


Nella foto in alto, l'esterno della sede di CEIT Impianti. A sinistra, l'Amministratore Delegato Fabrizio Perletta.