sgb
Un piccolo grande progetto che investe sui giovani.
Intervista a Luca De Simone, Service Operations Manager di Nest 2 SPA.
Uffici NEST2

NEST2
 è un'azienda padovana che ha come obiettivo quello di progettare e realizzare soluzioni innovative nel settore delle telecomunicazioni.È una società di engineering e system integrator che si è concentrata sulle problematiche delle reti e delle telecomunicazioni, fuori e dentro il sistema aziendale. 
Nasce nel 1993 da un gruppo di professionisti con decennale esperienza nel campo dell'informatica e delle telecomunicazioni. La decisione iniziale di operare principalmente sul territorio italiano del Nord-Est ha portato a coniare il nome NEST: Nord-Est Soluzioni e Tecnologie.
NEST offre ai propri clienti le più avanzate tecnologie, selezionate da operatori esperti, oltre che soluzioni e prodotti innovativi per soddisfare le reali necessità e problematiche del cliente.  Prodotti mirati per chi si apre oggi al mercato, ma anche per chi, invece, mira ad acquisire importanza nel proprio mercato di riferimento. Un'azienda in costante contatto con il cliente, grazie ad un servizio di consulenza calibrato per ogni realtà aziendale. Ciò che contraddistingue NEST2 è la capacità di ottimizzare processi e sistemi di informazione basati su infrastrutture tecnologiche di cui si servono le imprese per gestire il proprio business.

La collaborazione con Humangest è iniziata grazie allo strumento delle politiche attive che ha permesso al cliente di usufruire dei bonus occupazionali della Regione Lombardia. Questa partnership iniziale ha creato tra noi e il cliente un clima di fiducia, che ha portato il cliente stesso a chiedere il nostro supporto nella Formazione con Humanform. Inoltre, abbiamo creato insieme all’azienda un progetto sperimentale che prevede la Ricerca e Selezione di giovani tirocinanti, la formazione degli stessi finanziata tramite Garanzia Giovani e l’assunzione tramite stage.
Questo progetto, che verrà ripetuto più volte durante l’anno, è fondamentale per il processo di change management di Nest 2 che ha l’obiettivo di rinnovare la propria struttura tramite l’inserimento di giovani talenti potendo utilizzare in modo completo le agevolazioni che, tramite noi, vengono messe a disposizione dalla Regione.

Di questo e di altri argomenti abbiamo parlato con Luca De Simone, Service Operations Manager di Nest 2 SPA.
 
Com’è cambiata l’azienda negli ultimi anni?
Durante il ventennio di attività l’azienda ha dovuto affrontare diverse trasformazioni per adeguarsi ai cambiamenti del mercato e rispondere alle richieste che arrivavano dai clienti.
Nel periodo in cui Nest2 ha fatto parte di una multinazionale leader mondiale nel settore della distribuzione prodotti\servizi ICT (2000-2005), c’è stata la trasformazione più importante che ancora oggi permea l’azienda, portando la stessa a specializzarsi in servizi erogati alle Telco\Service Provider, e non solo, con la formula dei Managed Services erogati in Outsourcing (Full and/or Partial), raggiungendo nel contempo una elevata specializzazione in ambito Security Information con soluzioni orientate principalmente al mercato Enterprise.
Negli ultimi 2 anni l’azienda ha avviato una profonda ristrutturazione volta a focalizzare le proprie attenzioni sul mercato di riferimento Telco\Enterprise, cessando tutte le attività di massa e con scarso valore aggiunto.
Oggi stiamo continuando a potenziare e crescere nell’ambito Telco\Enterprise a cui abbiamo affiancato servizi consulenziali di Compliance, facendo tesoro dell’esperienza maturata negli anni per conseguire e mantenere importanti certificazioni quali fra le altre 9001, 14001, 18001, 27001, SOA.

Quali sono stati i momenti più difficili?
Durante gli ultimi 20 anni abbiamo avuto sostanzialmente 2 momenti di difficoltà che hanno dato origine a una revisione profonda della strategia aziendale, coincidenti con l’ingresso nella multinazionale che ci ha costretti a rivedere la nostra offerta di servizi (2000) e con la decisione di uscire dal mercato dei servizi di assistenza on-site, la cui marginalità nel mercato odierno è quasi inesistente ed accettabile solo per strutture locali snelle o focalizzate su questo tipo di servizi a livello nazionale (2015).

Quali sono state le figure chiave dell’azienda?
Le ristrutturazioni aziendali non sono mai indolori e non è certo che le stesse portino poi al risultato sperato, in quanto si tratta di norma di intervenire molto profondamente sulla struttura aziendale toccando tutti i servizi della stessa per “reinventare” il proprio posizionamento sul mercato, facendo anche scelte dolorose ma necessarie: in questi momenti è necessario che tutti partecipino attivamente e che facciano la propria parte.
Fermo restando che la nuova via dev’essere tracciata e monitorata dal Top Management, per una corretta riuscita quest’ultimo deve poter contare su un Middle Management in grado di gestire la suddetta trasformazione in modo proattivo, il quale si trova poi sovente a cascare un engagement basato sulla Vision e sulla Mission aziendale al personale operativo.
Senza andare troppo indietro nel tempo, per l’ultima ristrutturazione direi che l’impegno è stato corale ed equamente suddiviso tra tutti, pur nella distinzione di ruoli e responsabilità: se proprio dobbiamo identificare delle figure chiave, è ovvio che l’attuale Top Management ha inciso in modo sostanziale e decisivo nella definizione delle scelte alla base dell’intervento.

Qual è stato l’apporto del gruppo SGB Holding?
Abbiamo collaborato con SGB in passato ma nel periodo coincidente con la nostra ultima ristrutturazione i rapporti con la Holding si sono intensificati e diversificati. Abbiamo decisamente apprezzato la flessibilità e la dinamicità di SGB unitamente alla disponibilità e alla condivisione e realizzazione dei nostri reali bisogni. Abbiamo riconosciuto in SGB dei valori che contraddistinguono anche la nostra azienda e cioè riconoscere e elargire il valore aggiunto di cui il cliente finale ha realmente bisogno partecipando attivamente sia alla Service Strategy che al Service Design, garantendo efficienza, qualità e soprattutto sicurezza. Discriminante importantissima nel mercato odierno.
Questo unitamente alla versatilità e comodità di poter ricevere una unica entry point per qualsiasi necessità è sicuramente per noi un apporto importante che SGB ha dato e continua a dare al nostro business.

Quale dei  servizi del gruppo SGB  si sente di raccomandare?
Senza voler nulla togliere agli altri servizi che SGB Holding eroga con successo, per mia esperienza personale mi sento sicuramente di raccomandare i servizi inerenti alla formazione e alle politiche attive, soprattutto quando intersecati con i servizi di reclutamento strategico del personale, che per un’azienda come la nostra che eroga qualità ed added value sui propri servizi diventa una discriminante fondamentale.